Registro Storico Mazzilli

Le moto del Registro Storico Mazzilli....




CONSERVARE......, CENSIRE......., PROMUOVERE......, VALORIZZARE......

 

 

Ecco i quattro pilastri su cui poggia l'architrave del Registro storico Mazzilli; che grazie al non casuale, e gradito incontro nell'Ottobre 2002, tra il costruttore e futuro presidente  Giorgio Mazzilli e l'appassionato e futuro segretario Alberto Riva, inizio' a prendere forma

 

Una delle prime operazioni effettuate dall'allora giovane registro, fu la schedatura delle circa trenta moto e relativi proprietari gia noti a Giorgio, e la ricerca di nuove moto da iscrivere e censire.

 

Dopo la messa on line del primo sito nel Gennaio 2004, inizio' la fase di crescita favorita dalle visite che riceveva attraverso il web.

 

Una di queste, nel Maggio 2005, porto' la gradita conoscenza di Maurizio Boscariol, che grazie ad una genuina passione a modi signorili e garbati e ad una visione manageriale dell'insieme, fu da li a poco cooptato come co-segretario.

 

Con l'arrivo di  Maurizio, inizio' l'espansione del registro mediante il compimento del secondo sito piu' ricco ed approfondito, la realizzazione grafica delle nuove schede, e le relative fiches, il tutto progettato dal giovane e valente figlio Luca.

 

Sempre nel 2005, durante la rievocazione delle valli bergamasche tenutasi ad Oltre il Colle, il vulcanico Roberto Biza, segretario del Registro storico Hercules, invita Giorgio e tutto lo staff Mazzilli a partecipare, sotto l'egida Hercules, al primo di oramai molti, raduni Mazzilli, che dal 2006 ci vedono co-protagonisti al fianco di altri prestigiosi marchi.

 

Nel Febbraio 2007, per promuovere e favorire l'incontro tra gli appassionati del marchio, il Registro Mazzilli esordi' con un proprio stand alla mostra mercato di Novegro, suscitando grande interesse e positivi consensi.

 

Il resto e' storia d'oggi, con l'editing del terzo sito, il Rregistro storico Mazzilli ha recuperato e valorizzato piu' di cento moto, operando con assoluto spirito disinteressato  alla promozione del marchio, ha favorito lo scambio di informazioni tra collezionisti ed appassionati garantendo loro assolutamente la privacy, e mantenendo un comportamento in linea con i principi dei suoi promotori.

 

Alberto Riva

Maurizio Boscariol

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

 

 

 

Stampa